Riolo Terme, De Carli candidato sindaco per il Popolo della Famiglia

Una nuova avventura con un grande valore simbolico. Ma anche un’occasione per cominciare a mettere in pratica il programma politico più originale del momento. “Prima la famiglia” è infatti uno slogan che sta raccogliendo sempre più la fiducia della gente comune, che in molte località italiane andrà alle urne il prossimo 11 giugno per il rinnovo dei consigli comunali.
Mirko De Carli, già candidato sindaco per il Popolo della Famiglia a Bologna, ha accettato di rinnovare la candidatura per diventare sindaco del comune di Riolo Terme. Il suo movimento pro family, che appena apparso sulla scena a Bologna aveva fatto registrare un significativo 1,3%, si sta consolidando in tutto il paese. De Carli, che già è coordinatore del partito in tutto il nord Italia, ha accettato di mettersi nuovamente in gioco in una località della sua Romagna – lui infatti è di Ravenna – in quanto gli sta a cuore la valenza simbolica del gesto.
Come spiega lo stesso De Carli, “fu l’Appennino tosco-romagnolo, dove si trova Riolo Terme, a plasmare una nuova generazione di laici cristiani in politica”. Il giovane candidato del PdF, 34 anni, infatti ha alle spalle una lunga storia di militanza politica nei movimenti cattoilci, e ricorda che “a Camaldoli i ragazzi della Fuci gettarono le basi per edificare l’Italia e l’Europa del dopoguerra. Mi riferisco all’Italia della Costituzione, quella di De Gasperi e Togliatti”.
La scelta di De Carli di candidarsi a sindaco nel piccolo centro emiliano-romagnolo fa il paio con quella di Mario Adinolfi, segretario nazionale del Popolo della Famiglia, che ha appena deciso di candidarsi a sua volta per diventare iI primo cittadino di Ventotene. Altra località simbolica, dove nacque famoso manifesto europeista dell’esule Altiero Spinelli. Insomma, come sottolinea De Carli, “il Popolo della Famiglia vuole l’Europa di Spinelli e non quella della Bce di Draghi”. Per questo, aggiunge, “ripartiamo dai piccoli borghi, dalle piccole comunità: Adinolfi a Ventotene, io a Riolo Terme”. Nell’Appennino tosco-romagnolo, afferma De Carli, monaci benedettini con la loro testimonianza “orante” posero le basi per la civiltà che ci ha dato i natali. “Per questo noi, con umiltà e coraggio, ripartiamo queste due piccole città per ridare al paese una nuova generazione di laici cristiani impegnati in politica“.
Nel merito della sua candidatura, De Carli sostiene che nemmeno per i piccoli centri ci può essere futuro senza una vera e propria cultura della vita. Il suo programma guarda infatti a valorizzare economicamente l’autonomia delle famiglie. De Carli afferma dunque che “la ricetta concreta del reddito di maternità, unita al quoziente familiare, è l’unica arma per sostenere davvero la libertà della donna e la sua piena realizzazione nel ruolo di madre”.
Il neo candidato sindaco conclude quindi ricordando che “come abbiamo detto due mesi fa, non appena ci siamo presentati a Riolo, siamo l’unica e naturale alternativa al Pd che da decenni governa, male, queste terre”.

Rassegna stampa

http://www.ravennatoday.it/politica/riolo-terme-mirko-de-carli-candidato-sindaco-popolo-famiglia.html

http://m.faenzanotizie.it/articoli/2017/04/21/il-popolo-della-famiglia-si-presenta-alle-elezioni-amministrative-dell11-giugno-a-riolo-terme.html

http://www.faenzawebtv.it/w/il-popolo-della-famiglia-si-presenta-alle-elezioni-amministrative-di-riolo/

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*