Riolo Terme, De Carli: “La Giunta comincia col pilota automatico”

Comunicato Stampa

Gruppo consiliare Popolo della Famiglia – Comune di Riolo Terme

“Alla nuova (si fa per dire) amministrazione di Riolo Terme per ora facciamo gli auguri di buon lavoro, perché giudicheremo in maniera più compiuta solo all’appuntamento dei primi 100 giorni”. Mirko De Carli, capogruppo in consiglio comunale per il gruppo Popolo della Famiglia, nuovo partito che ha esordito a Riolo con un eclatante 14%, mostra fair play alla nuova giunta appena insediata, ma non rinuncia a mettere i puntini sulle i. Infatti “se il buon giorno si vede dal mattino, il sindaco Nicolardi sembra intenzionato a continuare sulla strada precedente senza tenere conto del forte astensionismo che ha dimostrato la disaffezione dei cittadini”, dice De Carli, mostrando l’intenzione di dare presto battaglia. “Avevamo avanzato la proposta, che dovrebbe partire dalla giunta, di un consiglio comunale con la presidenza all’opposizione, come segnale di cambiamento e disponibilità a lavorare insieme per i problemi di Riolo”, annota De Carli, “ma non abbiamo ricevuto alcun segnale in questo senso”. Secondo De Carli “sembra veramente che la giunta pensi di poter andare avanti col pilota automatico, mantenendo le vecchie logiche di gestione del potere, senza venire incontro alla disaffezione dei cittadini”. Il nuovo consigliere del PdF conclude esaminando il merito delle questioni: “va bene l’attenzione prestata alla Vena del Gesso, perché non si discute l’importanza che avrebbe il riconoscimento Unesco, però non possiamo non notare che sul problema della discarica nella presentazione della Giunta non c’è stato nemmeno un accenno, e anche questo fa capire che Nicolardi è Lanzoni mostrano subito l’intenzione di non affrontare i problemi di petto, gestendo in modo burocratico il potere conservato con sempre meno consenso popolare, da parte di una città chiaramente avvilita”.

Rassegna stampa

Cs pubblicato su FaenzaNotizie

Cs su FaenzaWebTv

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*